Coldiretti commenta i dati Istat sui prezzi al consumo gennaio 2019

“In controtendenza all’andamento generale balzo dei prezzi delle verdure che fanno segnare un aumento del 6,4% rispetto allo scorso anno, per effetto del clima pazzo che ha sconvolto i raccolti e ridotto le disponibilità sui mercati”: è il commento di Coldiretti ai dati Istat sull’inflazione a gennaio. “Si tratta degli effetti dell’ondata di maltempo che ha colpito la Penisola con gelo e neve alla quale è seguita una anomala ondata di calore, che ora rischia di mandare in tilt le coltivazioni che si stanno predisponendo alla ripresa vegetativa con l’inizio del rigonfiamento delle gemme nelle piante da frutto”

A preoccupare è il fatto che la “finta primavera” inganna le coltivazioni favorendo un “risveglio” che le rende particolarmente vulnerabili al freddo siberiano in arrivo. I cambiamenti climatici colpiscono dunque direttamente le imprese agricole con lo sconvolgimento dei normali cicli stagionali che impatta sull’economia, ma rappresenta una sfida anche per i consumatori che – conclude Coldiretti – sono costretti a fare i conti con le fluttuazioni anomale nei prezzi dei prodotti che mettono nel carrello della spesa.

Sui dati Istat vedasi EFA News.